Gli Operatori Domiciliari ed il riconoscimento delle sintomatologie cardiovascolari

da Cosimo Ciccarese on 20 Oct 2015

La Cardiologia è la branca della medicina che si occupa dello studio, della diagnosi e della cura delle malattie cardiovascolari acquisite o congenite.

Fra le malattie cardiache più diffuse troviamo l'angina instabile acuta e l'infarto del miocardio acuto.

- L’Angina Pectoris è un dolore al torace provocato dall'insufficiente ossigenazione del muscolo cardiaco a causa di una transitoria diminuzione del flusso sanguigno attraverso le arterie coronariche. Il dolore anginoso inizia lentamente, giunge all'apice e poi sparisce nell'arco di 15 minuti.

- L’Infarto del miocardio acuto è dovuto all'ostruzione di una arteria coronaria, che determina l'interruzione del flusso di sangue con conseguente ischemia delle cellule miocardiche.

L'ostruzione è dovuta ad un deposito di materiale grasso (placche aterosclerotiche, prevalentemente dovuto ad un eccessivo valore di colesterolo) che si localizza sulla parete interna dei vasi.

Quali sono le cause?

  • L'arteriosclerosi è la causa principale dell'IMA ( Infarto del Miocardio Acuto) che rappresenta una delle maggiori cause di morte. In condizioni normali le coronariche sarebbero dei tubi puliti ma il concorso dei vari fattori di rischio predispongono alla formazione di lesioni arteriosclerotiche nelle coronariche, in particolare:
  • età;
  • predisposizione familiare;
  • dismetabolismo lipidico (elevati livelli del colesterolo -frazionato LDL- e di trigliceridi);
  • ipertensione;
  • diabete;
  • fumo;
  • stress;
  • eccesso di peso corporeo e sedentarietà;
  • sesso ( le donne, soprattutto in età feconda, sono più protette dalla arteriosclerosi coronarica rispetto agli uomini, ma non più dopo la menopausa)

Localizzazione di dolori

Il sintomo che domina su tutti gli altri è il dolore, insorge all'improvviso, si localizza in mezzo al petto, e viene definito “a sbarra” ( dall'impressione di schiacciare) con il paziente quasi immobilizzato. Il dolore si può irradiare al collo, al braccio sinistro, più raramente alle due braccia ( specie negli infarti posteriori).

A volte può essere localizzato nell'epigastrio (zona corrispondente allo stomaco) e può durare ore o giorni. La deficienza di ossigeno nella zona del cuore è la responsabile del dolore.

Nella fase iniziale, si può avere un momentaneo aumento di pressione dovuta a stimoli nervosi e all'adrenalina immessa nel sangue, poi la PA si abbassa e il paziente collassa, è pallido e suda freddo, il polso è debole e frequente.

Questo è il momento più pericoloso; a questi sintomi si associano nausea e difficoltà respiratoria.

Questo e' il quadro della fase acuta dell'infarto.

Sintomi e segni clinici

Mentre i sintomi sono tutto ciò che viene evidenziato dalla persona,i segni clinici non sono segnalati dalla persona ma vengono evidenziati dai medici attraverso gli esami.

Principali

  • Dispnea, mancanza di respiro molto fastidiosa che varia di intensità fino a diventare tanto grave da rendere la normale attività di respirazione molto difficile;
  • Dolore Toracico, un senso di fastidio nella zone del cuore che può essere associato anche a forme diverse dall'angina;
  • Cianosi, sia un segno clinico che un sintomo, si tratta di una colorazione bluastra della cute causata da un'anomalia della circolazione del sangue;
  • Sincope Cardiaca, lo svenimento per cause cardiache;
  • Palpitazioni, il sintomo più comune, la persona il tal caso riesce a sentire il proprio battito cardiaco e ne ha una percezione fastidiosa, può essere descritta in vari modi:
  • Tachicardia, la frequenza del battito cardiaco supera i 100 battiti al minuto;
  • Bradicardia, indica una ridotta frequenza del battito cardiaco, ritmo al di sotto dei 60 battiti al minuto;
  • Edema, la cui localizzazione risulta utile ai medici per comprendere le cause, è un aumento del liquido interstiziale localizzato nei tessuti all'esterno dei vasi sanguigni e delle cellule. L'edema di origine cardiaca solitamente si diffonde in pochi gg nelle gambe e negli organi genitali;

E' importante sapere che...

Il dolore toracico non varia con gli atti respiratori e alla digito pressione.

News 788 Visualizzazioni

Autore

Actions

Ultimi Articoli

L’importanza di un percorso formativo professionale per l'Operatore Domiciliare

Un'adeguata formazione professionale dell'Operatore Domiciliare accelera i tempi di inserimento nel contesto socio - lavorativo territoriale, con...

on 10 Jun 2016

Esenzione dalle spese sanitarie

I cittadini che soffrono di particolari malattie, invalidità e/o sono in condizioni sociali disagiate hanno diritto a non pagare i ticket delle...

on 10 Jan 2016

Organizzazione e criticità del Sistema Sanitario Nazionale

L’attuale organizzazione del Sistema Sanitario Nazionale tende a trasferire una parte dei servizi ospedalieri sul territorio. Questo apre alcune...

on 13 Nov 2015